Carburanti e plastica riciclabile dai rifiuti organici

Carburanti e plastica riciclabile dai rifiuti organici

Ogni anno in Italia si producono 160 milioni di tonnellate di rifiuti agroalimentari e sottoprodotti agricoli, un’enorme montagna di materiale che non deve andare sprecata. Da queste sostanze, infatti, è possibile ottenere carta, bioplastica, biocarburanti e altre sostanze utili in svariati campi: cosmetici, lubrificanti, solventi… Tutti materiali “bio” che sono a loro volta completamente riciclabili, con grande vantaggio per il pianeta.

Questo quanto è emerso al BioEnergy Italy, il salone dedicato alle tecnologie per le energie rinnovabili che si è tenuto nei giorni scorsi a CremonaFiere (ANSA).
Tra le novità il “via libera” dell’Autorità per il gas e l’energia alla produzione di biometano (bioenergyitaly-biometano) che permetterà di arrivare nel 2020 a 670 milioni di metri cubi.
Biometano_Biogas_1biometanoIl biometano, a differenza del gas naturale, non si ottiene da fonti fossili di idrocarburi, ma viene ricavato dal biogas che a sua volta è ottenuto da sostanze organiche con un processo di fermentazione batterica in assenza di ossigeno. Inoltre, per non ridurre i terreni destinati alle produzioni alimentari, non si utilizzano cereali o altre prodotti agricoli, ma i residui organici provenienti da allevamento (liquame, letame, avanzi di mangime), produzione alimentare (avanzi di frutta e verdura, resti della lavorazione di carne, pesce e latte, avanzi di cibo, ecc.) e da acque reflue di depuratori.

Lo sfruttamento dei rifiuti organici in Italia
Il recupero di quanto viene gettato nei bidoni dell’immondizia è uno dei principali obiettivi dell’Istituto di Chimica Biomolecolare del Cnr di Pozzuoli (ICB) che dal 2005 trasforma gli scarti agroalimentari in bioplastica, biofilm e biopellicole (Il Corriere).
Utilizza bucce di pomodoro, cucce di limone, scarti delle vinacce e dei crostacei… Ogni tipo di scarto viene studiato per sfruttare al meglio le sue caratteristiche: dalle bucce di limone si estraggono gli antiossidanti essenziali alle industrie di cosmetica, mentre dalle bucce di pomodoro si ottengono bioplastiche e soprattutto pellicole per la pacciamatura (pratica agricola).
Pomodori-800E’ proprio dal pomodoro che è nata l’idea di utilizzare i rifiuti. Nei primi anni del Duemila L’ICB lavorava con aziende agricole locali per creare pomodori ibridi dalle caratteristiche migliori e i ricercatori si ritrovarono sommersi dagli scarti della lavorazione. Così venne l’idea di utilizzare in qualche modo i quintali di bucce e da qui si passò in breve al progetto attuale molto più ampio finanziato dal ministero dell’Istruzione per purificare i polisaccaridi contenuti nelle bucce e trasformarli in materiali ecodegradabili, e poi al trattamento degli altri tipi di rifiuti organici.

Il recupero nella scuola
Il riciclo del pomodoro è anche uno degli argomenti proposti nel sito realizzato dal gruppo “Rosso Pomodoro” del Liceo scientifico “A Nobel” di Torre del Greco per il concorso EXPO MILANO 2015. Gli allievi, oltre a presentare il pomodoro in tutti i suoi aspetti, ha anche realizzato un video dal titolo “Biorecupero: bioplastiche dalle bucce di pomodoro”.

Fare Geo
• Per sfruttare al meglio i rifiuti è necessaria la raccolta differenziata. Fai un’indagine tra i tuoi conoscenti: eseguono la raccolta differenziata? Ritengono sia utile? Se no, per quale motivo? Se sì, che cosa separano?
Prepara una breve relazione sui risultati di quanto hai rilevato.

Leggi anche

Le professioni del turismo #4 - Il consulente ambientale
Geofacile #16 - L'Italia e il suo patrimonio culturale
Piccola guida al PNRR - Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile