Destinazione sconosciuta

Destinazione sconosciuta

di Donata Columbro, CISV-Ong 2.0

Destination Unknown è una campagna dell’organizzazione Terre des Hommes per sostenere e difendere i minori migranti in Europa. Solo in Italia sono 11.010 i minori stranieri non accompagnati, secondo gli ultimi dati del ministero del lavoro e delle politiche sociali. Di questi, 2771 sono registrati, ma risultano irreperibili. Destination unknown vuole portare l’attenzione sulla vulnerabilità degli adolescenti migranti e sulla necessità di avere cure e protezione adeguate per prevenire i rischi di fuga, favorire il loro ingresso nelle comunità e la possibilità di affidamento nelle famiglie.

Farah, 18 anni, è uno dei volti della campagna per dare voce ai milioni di giovani migranti che hanno lasciato i loro paesi in fuga da guerre e violenze. Fuggito dalla Somalia verso il Kenya con i suoi genitori quando aveva solo 3 anni, durante l’adolescenza è stato vittima di violazioni dei diritti umani e ha deciso di partire alla ricerca di una nuova speranza in Europa. Il suo viaggio è durato 9 mesi e ha attraversato l’Uganda, il Sudan, il deserto e la Libia, per poi arrivare a Malta, dove nel 2012 è riuscito a ottenere asilo. Lungo il percorso ha dovuto affrontare abusi, violenze e detenzione. Guarda la testimonianza di Farah:

La sua vicenda non è un caso isolato: dei milioni di migranti internazionali che abbandonano i propri paesi di origine sono ben 35 coloro che hanno meno di 20 anni.

Leggi anche

Piccola guida al PNRR - Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile
100 anni di bonifiche in Italia
Geosport #02 - Iditarod: uomini e cani nel gelido e selvaggio Alaska