L'Iran che non conosciamo

L'Iran che non conosciamo

Il Magazine dell’ANSA “Iran in corsa verso la modernità” ci propone un Iran che non ci aspettiamo, un Paese che, pur con le contraddizioni che ancora rimangono, sta viaggiando a grandi passi verso la modernità.
ANSA_Teheran_autobusL’autore ci accompagna alla scoperta dell’Iran di oggi per le strade di Teheran con il video realizzato dai finestrini del bus che percorre Vali Asr, la strada lunga quasi 20 km che taglia in due la città attraversandola da parte a parte.
Nel Paese, rimasto isolato per le sanzioni approvate dall’ONU in seguito al suo programma nucleare, la società ha continuato a cambiare, in particolare nelle grandi città. Nella capitale, Teheran, le donne oggi sono molto più disinvolte rispetto agli altri Stati islamici e nel Paese la ricerca scientifica è all’avanguardia in molti campi, in particolare nello sviluppo di farmaci antitumorali.
Una trasformazione in atto che sta portando alla fine delle sanzioni, sbloccando gli scambi con l’estero.
L’apertura con l’occidente avrà una ricaduta sul turismo, diretto ai numerosi siti storici che ne evidenziano l’ininterrotto sviluppo della civiltà, dalle prime comunità agricole di diecimila anni fa agli antichi regni di Elam e di Persia, fino al periodo islamico con il fiorire della produzione dei pregiati tappeti. Ma soprattutto riprenderanno i commerci: è proprio di questi giorni la notizia che nel 2016 aumenteranno gli scambi tra Iran e Italia (Iran Italian Radio).

Le capitali di ieri e di oggi
Nel corso della storia la capitale del Paese è stata spostata più volte, qui le più note.

Teheran, capitale del Paese dal 1786, è stata completamente ridisegnata nel XX secolo, quando iniziò a espandersi passando da poco più di centomila abitanti agli attuali otto milioni (16 milioni nell’area metropolitana). Si trova nel nord del Paese sulle basse pendici dei monti Elburz, tra 1000 e 1800 m d’altezza.

Susa, fondata oltre seimila anni fa, sorgeva nella pianura mesopotamica a est del fiume Tigri, ai piedi dei monti Zagros. E’ stata capitale del Regno Elamita. Rasa al suolo dai mongoli nel 1218, venne abbandonata e oggi ne rimangono Persepolis_24.11.2009_soltanto i resti, patrimonio Unesco.

Persepoli, oggi abbandonata, è una delle più note mete turistiche patrimonio Unesco (foto a lato). Fu fatta costruire a 1500 m di quota tra i monti Zagros da Dario I, re di Persia, che spostò qui la capitale da Pasagarde, patrimonio Unesco, fondata da Ciro il Grande e di cui rimangono solo pochi resti.
Isfahan_Royal_Mosque_
Isfahan, situata a 1500 m d’altezza nel centro del Paese, nell’XI secolo fu capitale dell’Impero selgiuchide e nel XVI secolo dell’Impero sasanide.
La città è ricca di monumenti storici, con due patrimoni Unesco, la piazza Meidān-e Emām (nella foto la Moschea dello Scià) e la Moschea del Venerdì.

Tabriz Historic BazaarTabriz, nella zona settentrionale a 1300 m di quota, è stata più volte capitale del Paese. Importante centro sulla via della seta, è nota per il suo storico bazar (a lato), patrimonio Unesco.

Shiraz, nell’altopiano tra i monti Zagros a 1500 m d’altezza,  è stata capitale del regno della dinastia Zand nel XVIII secolo.

L’Iran sulla carta
1024px-Aerial_View_of_Damavand_26.11.2008_
Grande come Germania, Francia, Regno Unito, Spagna e Belgio presi insieme (1.648.000 km²), è molto meno popolata (circa 77 milioni di abitanti).
Il suo territorio è segnato da lunghe catene montuose intervallate da vasti altopiani tra 900 e 1200 m di quota e solo brevi pianure.
La cima più elevata è il monte Damavand (5610 m, nella foto a lato), il più alto vulcano dell’Asia, poco 800px-Map_iran_biotopes_simplified-frdistante dalla capitale Teheran che si allarga su una vasta area tra 1000 e 1800 m d’altezza.
Il clima è generalmente arido e l’altezza influisce sulle temperature che sui monti Zagros in inverno scende sotto zero. Nella zona centro-meridionale vaste aree desertiche e semidesertiche si alternano alle steppe, mentre le limitate foreste si trovano essenzialmente nelle fascia settentrionale che si affaccia sul Caspio.

 

Fare Geo

  • Leggi il l’articolo del Magazine Ansa e cerca su DeAWING notizie sull’Iran.
    – Prepara una linea del tempo segnando gli eventi che hanno la storia dell’Iran nell’ultimo secolo. Indica il tipo di governo di ogni periodo.
    – Individua i principali prodotti che l’Iran esporta e quelli che può importare dall’Italia.
    – Confronta l’Iran con l’Italia: utilizza i dati dei due grafici qui sotto per determinare la densità di popolazione dei due Stati.Italia-Iran_sup-pop
  • Cerca su una Maps la posizione delle capitali iraniane elencate sopra.
    – Quale si trova più a nord e quale più a sud? Che cosa noti riguardo l’altitudine? Quale ritieni sia la zona più abitata dell’Iran rispetto all’altezza?
    – Fai una ricerca su una delle capitali persiane e prepara una breve relazione.

Leggi anche

Le professioni del turismo #4 - Il consulente ambientale
Geofacile #16 - L'Italia e il suo patrimonio culturale
Piccola guida al PNRR - Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile
Iran, prove di forza nello Stretto di Hormuz, nodo nevralgico del trasporto petrolifero