Un balzo avanti verso la sostenibilità: celle solari stampabili

Un balzo avanti verso la sostenibilità: celle solari stampabili

I ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology) hanno realizzato celle solari che possono essere stampate su carta o stoffa. Sulla rivista  con una tecnica che, sebbene piuttosto complesse, può essere eseguita su vasta scala a costi contenuti (ANSA). Questo programma di ricerca è stato condotto nell’ambito dell’alleanza Eni-MIT, tra l’Istituto statunitense e l’azienda italiana che si occupa di energia.

Il procedimento di stampa deve avvenire in una camera a vuoto, ma non è necessario raggiungere temperature elevate e questo consente di utilizzare come substrato materiali leggeri e poco costosi come carta e stoffa, permettendo così di ridurre drasticamente il costo degli impianti solari.
Le celle continuano a funzionare anche se il materiale viene piegato, ad esempio per fare un aeroplanino di carta. I ricercatori hanno stampato le celle su polietilene tereftalato e poi l’hanno piegato mille volte senza regiustrare una perdita di prestazioni. Su Yotube il video con la costruzione dell’aeroplanino.
Per il momento però queste celle solari hanno una efficienza molto bassa, ma i ricercatori sperano di arrivare presto ad aumentarla: si ipotizza che entro 5 anni le celle solari di carta saranno disponibili. E per un utilizzo all’aperto sarà necessario rivestirle per proteggerle dalle intemperie.
In futuro i muri delle case potrebbero essere coperti di celle solari, ma anche le tende e la carta da parati permetterebbero il recupero di parte dell’energia luminosa dispersa. Con grande vantaggio per la sostenibilità ambientale.
E le celle solari sui nostri vestiti permetterebbero l’utilizzo di cellulari o altri piccoli strumenti senza necessità di batterie o di collegarsi alla rete elettrica.
Provate a ipotizzare altri utilizzi di queste nuove celle solari.

Leggi anche

Le professioni del turismo #4 - Il consulente ambientale
Geofacile #16 - L'Italia e il suo patrimonio culturale
Piccola guida al PNRR - Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile