L'edilizia sostenibile cresce

L'edilizia sostenibile cresce

Entro il 2020, ogni nuova abitazione dovrà essere costruita come casa passiva: cioè dovrà produrre tanta energia quanta ne consuma. È quanto stabilisce il recente regolamento dell’Unione Europea sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici. Nel nostro paese, la prima certificazione di casa a energia zero spetta al
comune di Roncone, in Trentino. Grazie a pannelli fotovoltaici, a materiali che permettono un buon isolamento (legno delle foreste Pecf) e ad avanzate tecnologie di realizzazione, l’abitazione riesce infatti a produrre energia addirittura in surplus rispetto al proprio fabbisogno.
La disposizione delle sue aperture consente un notevole approvvigionamento di energia solare, che viene mantenuta all’interno dell’abitazione grazie a un efficiente involucro termico. Il calore è poi distribuito in tutti gli ambienti con un sistema di ventilazione meccanica, mentre la potenza termica necessaria per raggiungere un maggiore confort è garantita da piaste elettriche radianti, collegate al sistema fotovoltaico.

Un esempio concreto (e significativo) di ciò che si può realizzare con l’edilizia verde.

 

 

Leggi anche

La Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione
Leggere il paesaggio - 2. Le falesie di Étretat, gioiello della Costa d’Alabastro
Geografia per tutte e tutti: il convegno AIIG e la didattica inclusiva
Geo inclusiva #03 - Le risorse naturali e le fonti di energia
Città ed energia
Che fine ha fatto il nucleare?