Risorto a Londra l’arco di Palmira

Risorto a Londra l’arco di Palmira

Il 19 aprile è stata presentata a Londra, in Trafalgar Square, la copia in scala dell’Arco del Tempio di Bel, distrutto dall’Isis a Palmira. 121607186-4ec60130-5fc6-4c06-8730-93e7734d4f34Un simbolo dell’impegno per la ricostruzione dell’antica città devastata dalla furia dei miliziani jihadisti.
L’arco, esposto per tre giorni nella città britannica di fronte alla National Gallery, sarà portato a New York e poi Dubai e in alcune città europee fino alla sistemazione definitiva proprio a Palmira (La Repubblica).
Sul sito della BBC il filmato dell’installazione dell’arco davanti alla National Gallery con il robot che ne cesella i particolari.
particolari_arcoL’arco, alto 15 metri e dal peso di 11 tonnellate, è stato realizzato in Italia da due aziende toscane, TorArt di Carrara, specializzata in scultura, e D-Shape, per la stampa in 3D (Il Corriere).
La ricostruzione dell’arco è avvenuta grazie ai rilievi fotografici realizzati nell’ambito del progetto “The Million Image Database” avviato dall’Institute for Digital Archaeology (IDA), in collaborazione con l’Unesco, l’Università di Oxford e il governo degli Emirati Arabi Uniti (post del 10/01/2016).
La raccolta nel database mondiale delle immagini in 3D dei principali monumenti situati nelle aree più a rischio permette di salvare, se non le opere originali, almeno la loro memoria e quella della storia dell’umanità.

droni_russiA fine marzo Palmira, la “perla del deserto”, è stata finalmente riconquistata dalla Siria, ma i grandiosi resti del suo passato sono in gran parte scomparsi. Lo dimostrano i filmati eseguiti dai droni russi (The Guardian). La zona archeologica è una distesa di rovine, soltanto il teatro romano del II secolo a.C. è riuscito a salvarsi. Appena la situazione politica si stabilizzerà, inizieranno i lavori di restauro.



Fare Geo

Leggi anche

Le professioni del turismo #4 - Il consulente ambientale
Geofacile #16 - L'Italia e il suo patrimonio culturale
Piccola guida al PNRR - Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile
Le città europee su Zona Geografia
Siria: i monumenti che non ci sono più
Chi sono oggi i londinesi?