A qualcuno piace giusto: concorso video sulle sfide dello sviluppo globale

A qualcuno piace giusto: concorso video sulle sfide dello sviluppo globale

Educare al consumo critico, al diritto al cibo e alla biodiversità è diventato fondamentale per il nostro futuro ed è una scelta obbligata, una sfida che i giovani possono cogliere divertendosi. A qualcuno piace giusto è un concorso che vuole coinvolgere gli studenti delle classi italiane e spingerli a confrontarsi con temi come l’impatto ambientale e sociale del cibo, il consumo consapevole, la riduzione degli sprechi.

https://www.youtube.com/watch?v=WFrMdr781rU

Per proporre un cambiamento verso un sistema agroalimentare più giusto, il progetto Eathink propone di costruire una campagna di comunicazione nazionale a partire dalle migliori idee e dai video prodotti dai ragazzi che parteciperanno al concorso!
Chi può partecipare? Le scuole primarie, secondarie di I grado e secondarie di II grado che sono invitate a mandare i loro spot video di massimo 30’’ entro il 28 febbraio 2017.
Il concorso è promosso dalle ong ACRA e CISV che da anni sono impegnate sul tema dell’educazione alla cittadinanza, e che collaborano con DeAgostini Scuola nella produzione di contenuti per questo blog. 
Oltre al contributo finanziario di Unione Europea, Fondazione Cariplo e Compagnia di San Paolo, il concorso è realizzato anche grazie al sostegno del Seminario Permanente Luigi Veronelli, con il quale è stata indetta una sezione speciale per le scuole alberghiere e professionali. Preziose anche le collaborazioni con DeAgostini Scuola e con i Festival del Cinema Africano, d’Asia e d’America Latina di Milano e CinemAmbiente di Torino.

Il bando del concorso è disponibile al link ufficiale: http://eathink2015.org/it/italiano-concorso-video-a-qualcuno-piace-giusto/

Leggi anche

Speciale ambiente - Benvenuti nell'Antropocene
Gioca Geo #5 - In viaggio tra le capitali d'Europa
Agenda 2030 – Goal 16: Pace, giustizia e istituzioni solide
A qualcuno piace giusto: i vincitori del concorso
Mangiapensa, strumenti didattici per la sovranità alimentare