Concorso fotografico AIIG: al via le votazioni!

Concorso fotografico AIIG: al via le votazioni!

Il 30 aprile è scattato il termine di consegna delle foto per il concorso “Fotografi di classe” indetto dall’Associazione Italiana Insegnanti Geografia, che abbiamo annunciato anche sul nostro blog.
E dal 1° al 30 maggio sono aperte le votazioni per la pre-selezione degli scatti pervenuti.
In questa fase, gli utenti della pagina facebook dell’AIIG potranno cliccare sull’ormai noto pulsante “mi piace”, e contribuire così a fare arrivare in finale le immagini preferite.
Le gallerie delle foto in concorso sono tre, tante quante le categorie del concorso: le classi quarte e quinte delle scuole primarie hanno inviato 23 foto in tutto; le secondarie di primo grado partecipano con 72 scatti; le secondarie di secondo grado con 74 fotografie.
Una partecipazione decisamente cospicua per la prima edizione di un concorso che ha lo scopo di “sollecitare i ragazzi ad andare oltre la pura percezione visiva, osservando criticamente il paesaggio dei luoghi che vivono e che conoscono, per accrescere la consapevolezza del valore del paesaggio come bene comune“.
Conclusa la pre-selezione, una giuria composta da esperti valuterà le foto più votate per decretare i vincitori, che si aggiudicheranno i numerosi premi: pubblicazioni a carattere geografico della De Agostini Scuola, abbonamenti per i docenti alla rivista dell’AIIG per un anno, pubblicazione delle foto premiate sulla rivista AIIG, coppe, targhe e medaglie.

Seguiremo con attenzione gli sviluppi del concorso, fino alla pubblicazione delle foto vincitrici anche sul nostro blog.
Invitiamo tutti i nostri lettori a votare sulla pagina facebook dell’AIIG!

Che vinca il migliore!

Leggi anche

Piccola guida al PNRR - Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile
100 anni di bonifiche in Italia
Geosport #02 - Iditarod: uomini e cani nel gelido e selvaggio Alaska
Partecipa al Concorso ICA 2021 "Una mappa del mio mondo futuro"
Una mappa del mio mondo futuro - Concorso ICA 2021
Geografia, che bella storia!