Dove finisce la tua bottiglietta di plastica?

Dove finisce la tua bottiglietta di plastica?

Ci siamo ormai abituati a riporre i rifiuti negli appositi contenitori per la raccolta differenziata, ma non tutti vengono smaltiti correttamente. Lo dimostrano i milioni di tonnellate di plastica che finiscono nelle acque degli oceani ogni anno, principalmente attraverso i fiumi. Nonostante si sia diffusa la mentalità dello smaltimento differenziato, questo afflusso incontrollato costituisce un enorme problema ambientale. La plastica che galleggia negli oceani e la microplastica che si diffonde nelle acque minacciano gli ecosistemi marini e richiedono azioni concrete per arginare e ridurre l’accumulo di questa “spazzatura oceanica”.

Nel mondo non mancano le iniziative per contrastare questo fenomeno. Tra le organizzazioni impegnate nella salvaguardia degli habitat marini, The Ocean Cleanup, fondata in Olanda nel 2013, studia da anni nuove tecnologie per ripulire gli oceani dalla plastica, con l’ambizioso obiettivo di ridurne la presenza del 90%. 

Una barriera lungo i fiumi

Tra le iniziative sperimentate e inaugurate negli ultimi due anni in Asia (Indonesia) e in Centro-America (Guatemala) da questa organizzazione non profit, possiamo ricordare la costruzione di barriere che sono in grado di intercettare i rifiuti di plastica trasportati dalle acque dei fiumi. Grazie a una tecnologia relativamente semplice ma promettente, si può evitare che una fiumana di plastica raggiunga le acque dei mari tropicali, dove la raccolta risulterebbe molto difficile. Gli abitanti dei Paesi rivieraschi hanno già contribuito alla raccolta e alla separazione di consistenti quantità di rifiuti in plastica, e questo processo può portare allo sviluppo di una nuova consapevolezza ambientale.

Plastic Tracker: il viaggio della plastica negli oceani

The Ocean Cleanup organizza anche attività di informazione ed educazione che hanno lo scopo di promuovere consapevolezza sui temi ambientali e stimolare comportamenti virtuosi. Per esempio, attraverso la sua piattaforma Plastic Tracker è possibile seguire il percorso di una bottiglietta di plastica gettata in un corso d’acqua e quindi non smaltita in modo adeguato. È una specie di “gioco” che può ingaggiare efficacemente gli studenti spingendoli a riflettere sulle reali conseguenze dei loro gesti quotidiani. Si rinforzeranno i comportamenti virtuosi (molti ragazzi sono abituati a praticare la raccolta differenziata) e si stigmatizzeranno quelli irrispettosi dell’ambiente.

Ogni studente individualmente, o la classe nel suo insieme, può inserire le coordinate di un luogo geografico (la città di residenza, il luogo di villeggiatura, località lontane, centri di montagna distanti dalla costa ecc…) e gettare idealmente in acqua la propria bottiglietta: Plastic Tracker visualizzerà il tragitto che la bottiglietta (smaltita non correttamente) compie raggiungendo il mare aperto e, seguendo le correnti marine, fino alla sua destinazione finale nell’oceano.

I rifiuti di plastica rimarranno nelle acque dell’oceano per lunghissimo tempo e questo costituisce uno degli aspetti più preoccupanti e inquietanti per le sorti degli oceani e del pianeta intero. Nell’infografica qui sotto è possibile farsi rapidamente un’idea dei tempi di degradazione di diverse tipologie di rifiuti nel mare.

I rifiuti hanno vita lunga, a volte lunghissima, e questo significa che disseminare il nostro ambiente di oggetti difficilmente biodegradabili renderà meno bello il territorio in cui viviamo e soprattutto lascerà in eredità alle generazioni future un “pianeta spazzatura”.

anni-smaltimento-plastica-mare
 © MAcA – Museo A come Ambiente, Torino

Fare Geo

  • Dopo aver “giocato” individualmente o tutti assieme con Plastic Tracker, è possibile trarre delle conclusioni in classe sugli effetti reali delle piccole azioni quotidiane, compiute talvolta in maniera inconsapevole, e sul destino degli oceani se questo processo non verrà limitato in maniera sensibile.
  • Cerca in Rete le iniziative più significative di salvaguardia e pulizia degli oceani, come quella dell’olandese Boyan Slat che ha ideato una macchina per rimuovere la plastica dal Pacifico.
  • Hai mai sentito parlare del Pacific trash vortex? È conosicuto anche come Great Pacific Garbage Patch ed è un esempio macroscopico dell’inquinamento degi oceani causato dai rifiuti plastici: raccogliendo notizie in rete e sui giornali, informati sulla sua origine e sulla sua composizione. Ricerca poi notizie sulle missioni scientifiche e sulle iniziative ambientaliste che cercano di porre rimedio a questa tragedia ambientale.
  • I rifiuti di plastica gettati in mare rappresentano una delle maggiori minacce per le specie marine (tra cui balene, delfini e tartarughe). Ogni anno essi ingeriscono circa 8 tonnellate di plastica che danneggiano il loro apparato digerente, con conseguenze spesso mortali. Attraverso fonti affidabili, prova a sintetizzare questo problema in una presentazione con testi, immagini, video e grafici.
  • Quanta plastica viene utilizzata nella tua abitazione (bottiglie, imballaggi, packaging alimentari ecc…)? Cerca di individuare la quantità di rifiuti plastici che mediamente viene smaltita ogni mese: potrai avere un’idea del tuo impatto sull’ambiente. Verifica poi se esistono metodi per ridurre l’uso di questo materiale nella vita quotidiana della tua famiglia.

Leggi anche

Giornata della Terra: un futuro senza plastica
Paesaggi italiani: le Murge e lo spettacolare scenario delle gravine
GeoNight 2024: due notti per scoprire il fascino della Geografia
Geosport #04 - Viaggi estremi sopra e sotto i mari
Speciale ambiente - L’aria, elemento vitale
Geofacile #05 - Gli ambienti naturali: i mari e gli oceani