Geografia, che bella storia!

Geografia, che bella storia!

Il 9 aprile in tutto il mondo sarà la Notte della Geografia, l’evento che dal 2018 propone a livello internazionale incontri ed eventi su temi geografici. Un appuntamento per promuovere presso addetti ai lavori e grande pubblico l’importanza e il fascino della nostra amata disciplina, spesso penalizzata dai programmi scolastici e da una tradizione di apprendimento nozionistico. Nulla di più lontano dalla realtà: la Geografia è viva più che mai e, proprio nel nostro tempo, rappresenta una bussola indispensabile per orientarsi in un mondo sempre più complesso e interconnesso.

donadelli-geografia

In occasione della Notte della Geografia e nell’ambito del Festival della formazione De Agostini

Giovanni Donadelli, curatore del Museo di Geografia dell’Università di Padova e consigliere dell’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG), terrà un webinar per i docenti della scuola Secondaria di I e II grado

Da cenerentola a influencer: il riscatto della Geografia in 10 oggetti

9 aprile ore 17:00 – 18:30

Il potere della geografia spiegato ai ragazzi

Il titolo del webinar incuriosisce. Che cosa ci fanno insieme la protagonista di una nota fiaba, i campioni assoluti della comunicazione “social” e dieci oggetti misteriosi?

È attraverso questo strano cocktail che Donadelli aiuta studenti e docenti delle scuole secondarie a fare un viaggio sorprendente per scoprire l’attualità e l’utilità della disciplina geografica.

La diretta permetterà in particolare di approfondire quanto di “geografico” può emergere da alcuni oggetti della nostra quotidianità. Tra questi ci saranno alcune carte geografiche (non potevano mancare) e la bussola del capitano Jack Sparrow. Ma anche il GPS del nostro smartphone, il caro e vecchio metro e dei granelli di sabbia. Sarà l’occasione per ascoltare la saggezza dei “mappamondi” ed  esplorare i mondi di Minecraft. Il viaggio si concluderà sul… banco! Certo, potrebbe sembrare una fine deludente, ma impareremo che niente – se osservato in chiave geografica – può esserlo davvero.

Seguendo le tracce di questi 10 oggetti, si parlerà di

  • geografia: una disciplina complessa e affascinante
  • dieci oggetti per riscoprirne il senso e l’utilità
  • il suo contributo per l’educazione alla cittadinanza globale

Durante il webinar, presentato e moderato da Serena Giacomin (fisica dell’atmosfera, climatologa e presidente dell’Italian Climate Network), sono previste attività interattive con gli studenti.

geografia-strumenti-didattica

GeoNight, un’iniziativa collettiva

Il webinar, organizzato da DeA Scuola in collaborazione con l’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia e il Museo di Geografia dell’Università di Padova, si terrà in occasione della Notte della Geografia.

Da quando è nata, nel 2017, sulle sponde della Senna, la Notte della Geografia non ha smesso di aggregare attorno ai suoi obiettivi una sempre crescente schiera di associazioni ed enti specializzati. Quella che infatti in origine era la “Nuit de la Géographie”, organizzata dal Comitato nazionale francese di geografia, ha dato vita l’anno seguente all’edizione europea “GeoNight”, per poi varcare i confini continentali e abbracciare una dimensione globale a partire dal 2019.

L’edizione 2021 di GeoNight, promossa da EUGEO (Association of Geographical Societies in Europe) e supportata dall’Unione Geografica Internazionale, raccoglie l’adesione di oltre 30 Paesi, tra cui l’Italia, a cui è stato affidato il coordinamento internazionale. Nel nostro Paese l’iniziativa vede la convinta partecipazione di tutte le principali associazioni geografiche: Associazione dei Geografi Italiani, Associazione Italiana di Cartografia, Associazione Italiana Insegnanti di Geografia, Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici, Società di Studi Geografici e Società Geografica Italiana.

Tra queste realtà, l’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG) trova una sua specifica identificazione con gli obiettivi della manifestazione. In particolare condivide l’intenzione di rilanciare il rapporto attivo e collaborativo tra ricerca e didattica, e di sensibilizzare all’importanza dell’educazione geografica nei percorsi di costruzione di cittadinanza attiva e per una corretta diffusa educazione ambientale.

Una formula semplice ed efficace

La formula di GeoNight è molto semplice: una notte (o una sera) all’anno vengono organizzati contemporaneamente eventi in tutto il mondo, in genere gratuiti e aperti al pubblico. In Italia, nelle ultime due edizioni prima della pandemia (2018 e 2019), sono stati organizzati quasi 100 appuntamenti che hanno coinvolto circa 10.000 persone. Circa la metà di questi eventi ha visto la partecipazione di AIIG, con il coinvolgimento di studenti e docenti, appassionati e curiosi della materia, istituzioni e soggetti attivi nella società civile e nell’imprenditoria.

Gli eventi possono essere di svariato tipo: da quelli di stampo accademico (conferenze, tavole rotonde ecc.) a quelli più divertenti (giochi, spettacoli ecc.) o quelli orientati all’educazione geografica, ai software GIS e alle nuove tecnologie.

Navigando nella mappa qui sotto è possibile consultare gli eventi in programma in tutto il mondo.

L’edizione 2021 in Italia

Quest’anno, a causa della pandemia, le iniziative avranno una dimensione esclusivamente digitale. In Italia sono programmate circa 60 iniziative (gratuite e aperte a tutti i cittadini) che hanno il compito di accrescere la consapevolezza gli ambiti del sapere propri della geografia e informare sui settori nei quali è indispensabile possedere competenze geografiche.

È un’occasione di facile fruizione che dà anche al grande pubblico la possibilità di familiarizzare con la conoscenza geografica e renderla realmente più comprensibile e accessibile: da vicino, la Geografia è una bella storia!

Leggi anche

Glocal Climate Change: il riscaldamento climatico in Europa
Mondi fantastici con le carte on line
Speciale ambiente - L’aria, elemento vitale
Lettera dalla Terra: la parola a Luca Mercalli
Le canzoni come fonti storiche: musica e giovani negli anni Sessanta
Storytelling e didattica della storia