Giornata della Terra

Giornata della Terra

Era il 22 aprile 1970 quando le Nazioni Unite istituirono l’Earth Day (la Giornata della Terra), una data fondamentale per sostenere e promuovere la conservazione delle risorse naturali della Terra. Da allora, ogni anno, un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera, si celebra questa ricorrenza a livello mondiale. Un’occasione per rivolgere l’attenzione alle bellezze inestimabili del nostro Pianeta e per riflettere sulla loro salvaguardia. Anche quest’anno l’appuntamento è fissato per mercoledì 22 aprile.

In questo contributo proponiamo una galleria fotografica che può essere utilizzata anche come strumento di didattica a distanza. È un percorso visivo, suddiviso per continenti, che mostra aree selvagge e incontaminate, bellezze naturali che ci fanno apprezzare la straordinaria varietà e ricchezza del nostro Pianeta. E si può anche fare un viaggio virtuale con Google Earth.

Perché la Giornata della Terra?

Questo appuntamento annuale ci richiama a una riflessione sulla salute della Terra e ci stimola a una pratica responsabile verso la conservazione dell’ambiente. Ha un valore informativo e, al tempo stesso, educativo.

  • È un’occasione per celebrare le meraviglie dell’ambiente naturale che ci circonda e ci accoglie.
  • Rappresenta un momento per fare il punto sulle criticità ambientali che affliggono il Pianeta: inquinamento di aria, acqua e suolo, distruzione degli ecosistemi, estinzione delle specie vegetali e animali, esaurimento delle risorse non rinnovabili.
  • È un’opportunità per divulgare e apprendere soluzioni e buone pratiche che permettano di eliminare gli effetti negativi delle attività dell’uomo: riciclo dei materiali, conservazione delle risorse naturali, bando dei prodotti chimici dannosi, limitazione della distruzione di habitat fondamentali come le foreste umide, protezione delle specie minacciate.

Gallery fotografica

Le meraviglie delle Americhe

Le meraviglie dell’Africa

Le meraviglie dell’Asia

Le meraviglie dell’Europa

Le meraviglie dell’Oceania e dell’Antartide

50 anni di storia

L’idea di creare una Giornata della Terra nacque in un momento storico caratterizzato da una crescente sensibilità verso i temi ambientali e pacifisti: la proposta infatti venne fatta per la prima volta negli anni Sessanta del secolo scorso (precisamente nel 1962). Il promotore di questa iniziativa fu il senatore statunitense Gaylord Nelson, che guadagnò il supporto dell’allora presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy e del fratello Robert Kennedy. Quest’ultimo nel 1963 tenne una serie di conferenze sui temi ambientali in una decina di Stati del Paese: qualcosa stava cambiando.

Da quel momento infatti l’idea e il dibattito sull’ambiente iniziarono a circolare in porzioni sempre più ampie della popolazione. Perché il tema diventasse di reale interesse per l’opinione pubblica e per le “stanze dei bottoni” della politica, ci volle purtroppo un grave incidente: nel 1969, al largo di Santa Barbara (California), si verificò una perdita di petrolio da un pozzo della Union Oil. A seguito di questo disastro ambientale si mobilitarono i movimenti ambientalisti e lo stesso senatore Nelson si fece portavoce presso i rappresentanti della politica nazionale dell’affermazione del “diritto a un ambiente sano, equilibrato e sostenibile”.

La vera data di nascita della Giornata fu il 22 aprile 1970: quel giorno 20 milioni di americani, soprattutto studenti dei college e delle università promossero iniziative e proteste in tutto il Paese, facendo sentire la propria voce alle istituzioni. Era nato l’Earth Day.

A mezzo secolo di distanza da quel giorno (si festeggiano infatti i 50 di vita della Giornata) possiamo dire che senza le iniziative e le menti illuminate di quegli anni non sarebbero stati possibili gli eventi che hanno caratterizzato le politiche locali e mondiali di conservazione ambientale, prima fra tutte la fondamentale Conferenza sull’ambiente e lo sviluppo delle Nazioni Unite tenutasi nel 1992 a Rio de Janeiro.

Fare Geo

  • Gallery fotografica. Selezionate gli scatti digitali dei luoghi più suggestivi che avete visitato in passato. Preparate una presentazione multimediale, aggiungendo alle immagini una breve descrizione testuale che comprenda la localizzazione e il valore ambientale del territorio visualizzato.
  • Decalogo. Individuate 10 buone pratiche che potete mettere in atto nella vostra vita quotidiana: piccole azioni che rispettano l’ambiente e salvano il Pianeta.
  • Earth Day. Immaginate di dover organizzare la Giornata della Terra per il prossimo anno: a quale tema rivolgereste l’attenzione? Che logo scegliereste (slogan, immagine, grafica)?
  • Earth Prize. Guardate attentamente la Gallery che abbiamo proposto in questo articolo e scegliete il luogo che a votro avviso rappresenta più degli altri la bellezza del Pianeta. Giustificate la vostra scelta con un breve testo argomentativo.
earth-day-deagostini-webinar

Il 22 aprile, in occasione della 50esima Giornata della Terra, De Agostini Scuola, in collaborazione con il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), propone il webinar “Un viaggio sostenibile dal Polo Sud al Polo Nord” alla scoperta della salute del nostro pianeta.

Il webinar è rivolto ai docenti della scuola secondaria: avrai la possibilità di coinvolgere anche i tuoi studenti invitandoli a seguire la diretta sul canale YouTube di DeA Scuola.

Leggi anche

Speciale ambiente - Benvenuti nell'Antropocene
Gioca Geo #5 - In viaggio tra le capitali d'Europa
Agenda 2030 – Goal 16: Pace, giustizia e istituzioni solide
Scoprire i cambiamenti del clima e degli ambienti con il web
Speciale ambiente - Le acque dolci, una risorsa da proteggere
Speciale ambiente - L’acqua e la vita sulla Terra