Pianeta Terra: ieri, oggi, domani

Pianeta Terra: ieri, oggi, domani

Pronti per un viaggio nel passato del nostro pianeta?
Oggi è possibile grazie ai risultati ottenuti nell’ambito del progetto VPE (Visible Paleo-Earth) dal “Planetary Habitability Laboratory” della “University of Puerto Rico” di Arecibo (La Stampa).
Il progetto, condotto dal professor Abel Méndez in collaborazione con la NASA, ha permesso una ricostruzione molto precisa dei movimenti delle placche crostali individuando la forma delle terre emerse negli ultimi 750 milioni di anni.
Sono state così realizzate 30 “istantanee” della Terra in un arco di tempo che va da 750 milioni di anni fa ad oggi, l’ultimo sesto dei 4,5 miliardi di anni del pianeta.

I continenti fra 50 milioni di anni

Ma non basta, è anche stata fatta una previsione di come sarà la Terra fra 50, 150 e 250 milioni di anni, quando le terre emerse torneranno a riunirsi formando un unico supercontinente.
Il progetto riguarda sia la paleogeografia sia il paleoclima e prende in considerazione anche le forme di vita che popolavano il pianeta nei diversi periodi.
Nel sito del VPE sono disponibili numerose informazioni che comprendono immagini cartografiche in diverse forme (globi, planisferi Mollewide, planisferi rettangolari), video animazioni, poster, visualizzazioni grafiche…

Il supercontinente Pangea che riuniva le terre emerse 255 milioni di anni fa

Interessanti le animazioni, in cui è possibile seguire il succedersi dei cambiamenti nella geografia del pianeta Terra, e le raffigurazioni della Terra nelle 30 epoche scelte, in cui è riportata anche l’estensione delle calotte glaciali. Queste immagini sono suddivise in tre gruppi di 10 relative ai periodi:
● tra oggi e 170 milioni di anni fa,
● tra 200 e 430 milioni di anni fa,
● tra 440 e 750 milioni di anni fa.

Per fare geo
Osservate le dieci immagini della Terra relative agli ultimi 170 milioni di anni seguendo le trasformazioni che hanno portato alla separazione dell’Africa dal Sudamerica, allo spostamento dell’India, alla formazione del Mar Mediterraneo, del Mar Caspio e all’attuale conformazione dell’Italia.
● Cercate di individuare nella mappa relativa a 170 milioni di anni fa la posizione di Africa e Sudamerica. In quale epoca i due continenti si sono staccati? L’Africa negli ultimi 200 milioni di anni è sempre stata un continente compatto come è oggi?
● Osservate a ritroso il percorso della placca indiana e individuate la posizione in cui si trovava 170 milioni di anni fa. In quale epoca si è saldata all’Asia?
● Il Mar Mediterraneo 170 milioni di anni non esisteva, al suo posto l’Oceano Tetide che poco alla volta si è chiuso sollevando una vasta fascia di montagne (Pirenei, Alpi, monti della Turchia e dell’Iran…), mentre il Mar Caspio era un mare continentale collegato all’Oceano Tetide. Seguite le trasformazioni del Mar Caspio descrivendo di volta in volta i cambiamenti avvenuti e quando è rimasto isolato trasformandosi in un lago.

Leggi anche

Le professioni del turismo #4 - Il consulente ambientale
Geofacile #16 - L'Italia e il suo patrimonio culturale
Piccola guida al PNRR - Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile
Segnali dalla Terra: una ciambella come salvagente
Lettera dalla Terra: la parola a Luca Mercalli
Earth Day 2016: “Alberi per la Terra”