PoliCultura, un'occasione da non perdere

PoliCultura, un'occasione da non perdere

Unire cultura e nuove tecnologie, coinvolgere i ragazzi e stimolarli ad apprendere in modo innovativo e divertente: oggi si può. Con il progetto Policultura destinato ad ogni scuola, dalla prima infanzia alla secondaria di II grado, il Politecnico di Milano mette a disposizione gratuitamente il software necessario alla creazione di presentazioni multimediali. Ma bisogna affrettarsi: il 30 gennaio 2012 chiuderanno le iscrizioni.

Pagina di “Zzz Zzz”, un viaggio nell’alveare.

Dal sito del progetto sono raggiungibili le narrazioni realizzate negli anni passati (qui quelle del 2011).
I temi spaziano in tutte le discipline, dalla storia, alle scienze, alla matematica, all’arte, alle lingue, all’educazione fisica… e naturalmente alla geografia.

Pagina di “Pietra su Pietra: Alberobello”.

Tra le narrazioni realizzate eccone alcune che riguardano la geografia: Pietra su pietra: Alberobello“, “Guastalla, una città a forma di stella“, “I love Mirandola“, “La cittadella di Bergamo“.
Il motore 1001storia è stato utilizzato anche a livello professionale, ad esempio per realizzare presentazioni di mostre come “Gutai – Dipingere con il tempo e lo spazio“, mostra tenuta a Lugano nell’autunno 2010.

Presentazione della mostra di Lugano.

PoliCultura è un’occasione per condurre un’esperienza didattica con le nuove tecnologie: ogni classe, con la guida di uno o più insegnanti, realizza una narrazione multimediale. Il software a disposizione è 1001Storia, un motore multimediale facile ed intuitivo, che non richiede alcun prerequisito tecnico. Il risultato è un’applicazione multicanale: un sito web, una versione offline per CD-ROM ed una serie di playlist per qualsiasi strumento con podcast player (iPhone, PC, iPad, smartphone).
PoliCultura è un concorso nazionale: i lavori che verranno chiusi entro il 4 aprile 2012, potranno partecipare alla competizione e confrontarsi con le classi di tutta Italia. Tutte le narrazioni saranno valutate da una giuria di docenti del Politecnico di Milano, da esperti, e da insegnanti che hanno partecipato alle passate edizioni. Le classi finaliste saranno invitate alla giornata di premiazione che si terrà a Milano nel giugno 2012.

Fare Geo
Iscrivete la vostra classe al concorso PoliCultura e preparate una narrazione geografica a vostro paicere.
Potete descrivere la vostra città, fare un giro turistico della vostra regione, o descriverne le tradizioni culturali, dalle feste al folklore, alla cucina, all’arte… Ma potete anche immaginare un viaggio in luoghi lontani che voreste visitare.

Leggi anche

Le fasi finali del concorso AIIG Fotografi di classe "(Ri)generiamo gli spazi"
Net Zero: valorizzare le conoscenze tradizionali per proteggere il patrimonio culturale
Fast fashion: il lato oscuro della moda e i diritti negati
Storytelling e didattica della storia
Giovani guide turistiche: promuovere il proprio patrimonio culturale
Innovazioni: come cambiano le nostre vite?