Il turismo sostenibile secondo la Dichiarazione di Berlino

Il turismo sostenibile secondo la Dichiarazione di Berlino

Il turismo è un’attività economica “trasversale” che può incidere positivamente sulla vita quotidiana dei locali, sull’ambiente e sulla cultura. Come abbiamo visto nel post Metti in Agenda il turismo, quello responsabile!, perché ciò accada è necessario cambiare l’attuale modello turistico non responsabile: la Dichiarazione di Berlino incoraggia a farlo promuovendo il turismo sostenibile.

 

A marzo 2017 oltre 30 rappresentanti di ONG, movimenti popolari e mondo accademico, provenienti da 19 Paesi, hanno firmato la Dichiarazione di Berlino “Trasformare il turismo”. Con questo documento si sono impegnati a dare il loro contributo per rinnovare il turismo, in quanto strumento fondamentale per raggiungere i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

La Dichiarazione, infatti, afferma che: “solo il turismo che contribuisce al miglioramento del benessere dei locali, alla dignità dei lavoratori, all’integrità dell’ambiente, così come alla eliminazione dello sfruttamento, delle ineguaglianze e della povertà è un’opzione significativa per lo sviluppo sostenibile”. Lo sviluppo turistico, quindi, deve innanzitutto promuovere i diritti umani e l’autodeterminazione per le comunità locali, garantendo una distribuzione equa e ampia dei benefici economici e sociali.

Il turismo deve diventare un’esperienza positiva, non solo per gli ospiti, ma anche per i locali, e rafforzare la comprensione e il rispetto reciproci. Il suo elemento chiave è l’incontro, cioè entrare in relazione con le persone, l’ambiente e la diversità.

dichiarazione-berlino
Alla base del viaggio dovrebbe esserci una forza che ci spinge ad affrontare l’ignoto per ottenere un cambiamento: per esempio conoscere e migliorare noi stessi, per crescere come individui e come società. L’esperienza turistica di oggi, però, segue un modello consumistico incompatibile con lo sviluppo sostenibile e con un approccio incentrato sulle persone. Includendo il turismo tra i suoi obiettivi, l’Agenda 2030 ne riconosce l’influsso globale e al tempo stesso ci affida la responsabilità di cambiarlo, conferendogli un potere di trasformazione positiva nel mondo.

 

Daniela Campora

 

FARE GEO

  • Leggi il punto 1 (Riflessione sull’Agenda 2030) della Dichiarazione di Berlino e discutine in classe con i tuoi compagni.
  • Immagina di provenire da un altro pianeta e di scoprire il fenomeno del turismo sulla Terra e i suoi effetti negativi (li trovi al punto 2 della Dichiarazione). Fai una lista delle conseguenze che si avrebbero per l’umanità eliminando il turismo. Elenca anche le soluzioni che consentirebbero di risolvere i problemi legati al turismo senza eliminarlo (confrontale con le proposte indicate ai punti 3 e 4 della Dichiarazione).

Leggi anche

Speciale ambiente - Benvenuti nell'Antropocene
Gioca Geo #5 - In viaggio tra le capitali d'Europa
Agenda 2030 – Goal 16: Pace, giustizia e istituzioni solide
Il Festival dello sviluppo sostenibile 2020
Agenda 2030 – Goal 15: La vita sulla terra
Agenda 2030 – Goal 14: La vita sott’acqua