Acqua potabile, una risorsa insostituibile e per l'Italia un primato di qualità

Acqua potabile, una risorsa insostituibile e per l'Italia un primato di qualità

L’acqua dolce, l’oro blu, nei prossimi anni diventerà una risorsa più preziosa del petrolio. Con una disponibilità che si riduce per i cambiamenti climatici e l’incremento della desertificazione, l’acqua è sempre più contesa tra l’utilizzo come acqua potabile e quello per l’agricoltura.  Secondo una recente risoluzione Onu “il diritto all’acqua potabile è un diritto essenziale per la vita di ciascun uomo”.

In Italia siamo dei privilegiati: l’acqua potabile degli acquedotti italiani è tra le migliori del mondo. È certificata da 400mila analisi che controllano sei parametri selezionati in base alla tossicità dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Il Corriere della Sera).

L’acqua di Torino va nello spazio
E l’acqua potabile dell’acquedotto di Torino è stata ritenuta la più adatta ad andare con gli astronauti nello spazio (La Stampa). Sia gli USA sia la Russia hanno scelto l’acqua del capoluogo piemontese, anche se di due sorgenti differenti. L’acqua della Centrale Regina Margherita a Collegno è stata scelta dopo accurate verifiche dall’Agenzia spaziale russa come la più indicata per i propri cosmonauti. Mentre gli americani hanno optato dopo svariati test per quella attinta al Pian della Mussa, raccolta nella Centrale di Venaria. La SMAT, Società Metropolitana Acque Torino che gestisce l’acquedotto, ha presentato la sua acqua a Parigi in una conferenza stampa il 29 gennaio di quest’anno.

Le manifestazioni
In Italia si dà molta importanza alla qualità delle acque e per promuovere l’argomento tra il 4 e il 10 settembre si è tenuta a Genova la prima edizione del Festival dell’Acqua. Un evento di importanza internazionale a cui ha partecipato l’ex Alto rappresentante per la politica Estera Ue Javier Solana che ha detto: “Due terzi della popolazione mondiale non ha alcun accesso diretto alle fonti, è una grande ingiustizia” (La Repubblica: video).

La borraccia consegnata a Pietro Mennea per iniziare la staffetta

E a conclusione è partita la Staffetta dell’Acqua, con lo scopo di sensibilizzare la popolazione sull’uso ed il rispetto delle risorse idriche. Promossa da Federutility (federazione che riunisce i gestori di tutti gli acquedotti italiani) ed ideata da Mismaonda, verrà seguita dalla trasmissione CATERPILLAR in onda quotidianamente su Radio DUE.
La staffetta è iniziata il 13 settembre a Reggio Emilia con la borraccia, simbolo dell’acqua del rubinetto, portata da Pietro Mennea, testimonial d’eccezione che devolverà in beneficenza il suo compenso. Si concluderà il 17 ottobre a Roma.

Fare Geo
1) Il gruppo Hera, azienda multiutility che si occupa di gestione di servizi (nelle città di Modena, Bologna, Ferrara, Imola, Faenza, Cesena, Ravenna, Rimini), ha avviato alcuni progetti gratuiti per le scuole: “L’Itinherario Invisibile – il ciclo dei rifiuti, dell’acqua e dell’energia” e “Un pozzo di scienza”.
2) La disponibilità di acqua potabile non basta ai bisogni delle popolazioni del terzo mondo. Leggete i dati nell’articolo del Parlamento Europeo Una persona su sei non ha accesso all’acqua potabile e visualizzateli con grafici a vostra scelta, completandoli con una didascalia esplicativa.

Leggi anche

Piccola guida al PNRR - Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile
100 anni di bonifiche in Italia
Geosport #02 - Iditarod: uomini e cani nel gelido e selvaggio Alaska
Acqua e reti: una sfida possibile per le città di domani
Speciale ambiente - Le acque dolci, una risorsa da proteggere
Speciale ambiente - L’acqua e la vita sulla Terra