Mondi fantastici con le carte on line

Mondi fantastici con le carte on line

Creare mappe è un modo interattivo e coinvolgente per avvicinare gli studenti alla Geografia e farli riflettere sul territorio, la sua configurazione e organizzazione. In questo momento di emergenza sanitaria, in cui siete chiamati ad attivare la didattica a distanza, alcune risorse digitali possono venire in aiuto per dare continuità alla didattica e all’apprendimento, e potenziare la creatività e la fantasia dei ragazzi. Proponiamo alcuni semplici software on line con cui è possibile generare piante di città moderne e antiche e disegnare con pochi clic le carte di territori fantastici. Lasciamo correre l’immaginazione e facciamoci affascinare da queste ingegnose risorse informatiche; sarà un ottimo pretesto per riprendere o presentare alcuni concetti di base della Geografia.

City Generator

Com’è fatta una città? Come si sviluppa e quali forme può assumere? Quali servizi possono rendere più vivibile e gradevole un agglomerato urbano? Sono solo alcune delle domande che possiamo rivolgere agli studenti usando City Generator, una semplicissima e divertente applicazione che consente di creare la pianta di una città con un clic del mouse sullo schermo. L’applicazione non è configurabile: è basata su un algoritmo che crea automaticamente il reticolo delle strade e lo popola con edifici e giardini. Ma il risultato è credibile e ci porta a compiere molti ragionamenti e a sviluppare tante attività.

Esisteranno piante di città simili a quelle che possiamo creare con City Generator? Dove in Italia o in Europa? Sicuramente dove gli edifici sorgono lungo strade curvilinee, dove i centri abitati non sono troppo densi e sono composti da molte case unifamiliari. Suddividete la classe in gruppi e chiedete di svolgere un confronto con la realtà, una ricerca per verificare con l’aiuto di Google Earth differenze e somiglianze con cittadine italiane, inglesi, olandesi, francesi e tedesche. In alternativa, giocate di fantasia: chiedete ai diversi gruppi di incaricarsi di azioni di City planning: dove ubicare le scuole, le chiese, il municipio, gli ospedali, i negozi, gli impianti sportivi, dove fare passare i mezzi pubblici e le piste ciclabili? E quali nomi attribuire alle strade e ai quartieri? Quali criteri scegliere? Non c’è limite alla fantasia e al divertimento.

Medieval Fantasy City Generator

Per generare la pianta di una città medievale abbiamo a disposizione uno strumento più sofisticato: Medieval Fantasy City Generator, che consente di mettere a fuoco alcune caratteristiche comuni a tutte le città murate europee, dove le vie non hanno un impianto ortogonale e il tessuto urbano è composto da quartieri isolabili. Agendo sui menu a tendina si possono ottenere molte varianti della carta che si genera in automatico all’apertura della pagina internet. In questo caso la creazione può seguire criteri prestabiliti, decisi dopo una discussione corale.

Anche il confronto tra la carta della città fantastica e la realtà può condurre a esiti interessanti e a riflessioni molto utili per gli studenti della classe II nella secondaria di primo grado. Proviamo a raccogliere a questo fine carte di celebri città medievali, da San Gimignano ad Aigues Mortes, dalle città anseatiche fino alle città bavaresi di Nördlingen o Rothenburg, per individuare analogie e differenze.

Fantasy Map Generator

Fantasy Map Generator consente la creazione di carte dal sapore antico, simili a portolani o a pezzi unici, che combinano sapienza geografica e minuzia nei dettagli, con l’invenzione di toponimi degni della fantasia di Tolkien o di qualche saga nordica. La forma iniziale della carta nasce in modo casuale, ma ogni aspetto della rappresentazione – dai rilievi ai corsi d’acqua fino alla linea di costa – ha caratteristiche molto realistiche. Il software consente, inoltre, di visualizzare il territorio in modalità 3D, rendendolo più verosimile e spettacolare. I parametri di Fantasy Map Generator possono essere regolati dall’utente agendo sulla piccola freccia in alto a sinistra, che consente l’accesso alle istruzioni e a un ricco menu.

Anche questo strumento offre la possibilità di impostare attività individuali e di gruppo, orientate in primo luogo a riconoscere le caratteristiche generali della cartografia, e a distinguere in modo chiaro le finalità comunicative della rappresentazione del territorio. Inoltre potrebbe essere molto divertente affidare a ogni studente la descrizione di un territorio che ha generato con il programma: quali risorse paesaggistiche, culturali, economiche caratterizzano le terre rappresentate?

carte-Fantasy-Map-Generator
Fantasy-Map-Generator-3D
L’interfaccia di Fantasy Map Genarator in modalità 3D

Altri strumenti digitali

I software che abbiamo illustrato permettono agli studenti di approfondire la conoscenza del territorio e delle sue caratteristiche, stimolando la curiosità e la fantasia.

Sul portale tematico Zona Geografia, alla voce “Strumenti digitali” della pagina Geografia in classe, abbiamo presentato altre risorse digitali che si basano sulla cartografia reale. Google My Maps Google Earth e Scribble Maps sono un’occasione di apprendimento in classe o a casa, grazie alla personalizzazione delle basi cartografiche con contenuti originali.

Fare Geo

  • Dopo aver creato le vostre carte “di fantasia”, condividetele sulla bacheca della classe virtuale. Potete confrontare le diverse carte immaginarie interrogandovi sui criteri che sono stati adottati nella costruzione e nella disposizione degli elementi geografici sulla carta. Perché sono stati scelti? Che funzione hanno? Che obiettivo si intendeva raggiungere?
  • Scegliete una città di origine medievale della vostra regione e, utilizzando Google My Maps o Google Earth, individuate e delimitate il nucleo antico, evidenziando i monumenti di origine medievale. Operando da soli o condividendo virtualmente il contenuto con altri compagni di classe, potete aggiungere testi e fotografie per commentare e personalizzare la base cartografica. Potete preparare poi una presentazione di questa mappa “aumentata” da condividere con la classe virtuale.

Leggi anche

Agenda 2030 – Goal 15: La vita sulla terra
Gioca Geo #4 - A caccia di New Towns
Agenda 2030 – Goal 14: La vita sott’acqua
Gli strumenti digitali per la geografia - 8: Google Earth Education
Gli strumenti digitali per la geografia - 7: Eurostat
Foto "geniali" per giovani geografi