Cellulari e tablet per dare più rapidamente l’allarme terremoto

Cellulari e tablet per dare più rapidamente l’allarme terremoto

I sensori Gps degli smartphone e dei tablet sono in grado di rilevare gli spostamenti del suolo dovuti al movimento delle faglie e trasmetterli al centro di controllo. Il sistema è stato ideato dal Servizio per la Sorveglianza Geologica degli Stati Uniti (Usgs) e descritto sulla rivista Science Advances (ANSAScience Advances).
La precisione è minore rispetto ai sensori utilizzati normalmente per rivelare le onde sismiche, ma ha il vantaggio di avere un costo minore e quindi poter essere utilizzato più diffusamente.
Attualmente, dati i costi proibitivi, i sistemi di allerta rapido sono presenti in poche zone, come California, Giappone e Messico, mentre sono molte le aree a grave rischio sismico, soprattutto nei Paesi più poveri (qui sotto la mappa delle aree a maggior rischio con i cerchi che indicano le zone monitorate).
mappa_rischio_sismicoE’ dal 1987 che l’Usgs ha iniziato a utilizzare rilevatori Gps per individuare gli UNAVCO 4spostamenti della crosta terrestre nella zona della faglia si San Andreas e nella Baia di San Francisco (EARTH). E in seguito il metodo ha permesso di determinare l’effettivo movimento delle zolle crostali. Sono stati installati numerosi sensori Gps molto sensibili in punti a rischio, come in prossimità del Monte St.Helens (foto a lato).
Per estendere i controlli in tutto il mondo sarebbe necessario installare una fitta rete di rilevatori con spese che molti Paesi non sono in grado di sostenere.
L’idea del nuovo sistema è partito dalla considerazione che attualmente sono in funzione un miliardo di dispositivi che utilizzano il Gps per la navigazione personale (si stima che nel 2019 il numero arriverà a quasi sei miliardi), sistemi che non vengono utilizzati per le loro effettive potenzialità.
Le simulazioni eseguite dall’Usgs, che hanno utilizzato i dati del terremoto  di magnitudo nove avvenuto in Giappone nel 2011, hanno evidenziato che una rete di cinquemila dispositivi in dotazione agli abitanti di una città è già sufficiente a permettere di diramare l’allerta rapido, salvando la vita a molte persone.
Il sistema sarà testato realmente lungo la costa del Cile, una delle aree dove i terremoti sono più frequenti, coordinandolo con un sistema tradizionale. Il nuovo sistema sarà però in grado di diramare l’allerta soltanto per sismi di magnitudo  pari o superiore al settimo grado.

Fare Geo
Osserva il planisfero con il rischio sismico e rispondi alle seguenti domande.
• Individua i continenti dove il rischio è più diffuso.
• Descrivi la distribuzione delle aree a rischio nel continente americano.
• Come risulta il livello di rischio nella zona in cui il sistema sarà testato?

Leggi anche

Geofacile #16 - L'Italia e il suo patrimonio culturale
Piccola guida al PNRR - Missione 3: infrastrutture per una mobilità sostenibile
100 anni di bonifiche in Italia
Italia, una terra giovane in continuo mutamento, ma anche in continuo pericolo
Un nuovo violento terremoto ha fatto tremare il Cile
Il risveglio del Calbuco, uno dei più pericolosi vulcani cileni