Il falò da 20 miliardi di dollari

Il falò da 20 miliardi di dollari

Ogni anno 150 miliardi di metri cubi di metano vegnono bruciati e buttati via senza essere sfruttati.
Si tratta del metano che risale in superficie nei pozzi di petrolio e, nelle strutture non attrezzate per il suo recupero e utilizzo, viene fatto bruciare con giganteschi falò, detti “flare gas”, per evitare il rischio di incendi. E’ la notizia riportata da La Stampa.

A parte lo spreco di combustibile che è valutato in 20 miliardi di dollari, il danno all’ambiente è elevato: l’anidride carbonica immessa nell’atmosfera equivale a quella emessa da 77 milioni di auto e contribuisce ad accrescere l’effetto serra.
Attualmente sono moltissimi i pozzi in cui si brucia il metano giorno e notte, soprattutto nell’Africa occidentale, nel Medio Oriente e in Russia: nelle foto notturne riprese dallo spazio le torce del flare gas sono visibilissime, anche più delle città.
Lo studio è stato eseguito dalla General Electric ed è consultabile, in inglese, nel sito GE Energy.

Leggi anche

Le fasi finali del concorso AIIG Fotografi di classe "(Ri)generiamo gli spazi"
Net Zero: valorizzare le conoscenze tradizionali per proteggere il patrimonio culturale
Fast fashion: il lato oscuro della moda e i diritti negati
Shale oil: è boom negli Stati Uniti
Una “super-spugna” per salvare il mare dal petrolio
Il metano mette Cipro in primo piano: vicepresidente USA in visita a Nicosia