L'industria italiana punta alla sostenibilità ambientale

L'industria italiana punta alla sostenibilità ambientale

Il 2012 segna una svolta importante per l’industria italiana che ha deciso di cambiare obiettivi combinando sviluppo e protezione dell’ambiente.
Confindustria ha infatti adottato la “Carta dei principi per la sostenibilità ambientale”. La decisione è stata presa nell’ambito dei lavori preparatori per la Conferenza delle Nazioni Unite “Rio + 20” sullo Sviluppo Sostenibile, che si terrà a giugno, per evidenziare le numerose aziende italiane che già operano in questa direzione e stimolare le altre e seguire percorsi altrettanto virtuosi.

La Carta dei Principi e la Guida Operativa sono state pubblicate dal Sole 24 Ore a fine gennaio.
L’adesione è volontaria, ma secondo quanto riporta La Stampa, il documento è già stato sottoscritto da Assolombarda e varie altre aziende. In un solo mese sono state 150 le adesioni, ma Aldo Fumagalli, presidente della commissione sviluppo sostenibile di Confindustria, spera di arrivare alla Conferenza di Rio con almeno 1000 aziende iscritte.
La svolta con indirizzo ecologico dell’industria italiana serve anche a far crescere la competitività delle nostre aziende, dato che nel futuro diventerà sempre più necessario limitare l’impatto ambientale dell’uomo sul pianeta riducendo le emissione dannose e con una più consapevole gestione dei rifiuti.

Fare Geo
● Osserva la carta con i 10 principi e i 10 impegni sottoiscritti dalle aziende e discutine con i compagni.
● Visualizza a tuo piacere (disegni, vignette, fotografie…) principi e impegni e prepara un cartellone.

Leggi anche

Le fasi finali del concorso AIIG Fotografi di classe "(Ri)generiamo gli spazi"
Net Zero: valorizzare le conoscenze tradizionali per proteggere il patrimonio culturale
Fast fashion: il lato oscuro della moda e i diritti negati
La difesa del suolo: ascolta la Terra per proteggere l'ambiente
Città e rifiuti urbani
In cima allo Zugspitze: quale sostenibilità per l'ambiente alpino?